CORSO FORMAZIONE “AD ALTA VOCE” – RETE RAGAZZI DEL FIUME-ACCADEMIA DEI SAPERI – 1.04.2014

Inizia il 1° Aprile il Corso di Formazione aperto a tutti i docenti che vogliono imparare nuove modalità per la lettura ad alta voce. Il Corso è proposto in collaborazione tra la Rete ragazzi del Fiume e Damatrà, e si tiene a Manzano, via Libertà con orario 16.45-19.15 circa. E’ previsto un secondo incontro con data 9 aprile con orario 16.45-19.15 circa. I posti sono limitati! Leggete il percorso ed iscrivetevi qui!

 

Il percorso
Il percorso si propone di offrire gli strumenti base per incoraggiare gli insegnanti a divulgare e promuovere l’interesse alla lettura nelle scuole primarie.
Durante gli incontri l’intento è di far acquisire e recepire alcune tecniche teatrali con esercizi che saranno di supporto alla lettura interpretativa. Questo permetterà di scoprire che ascoltare, come leggere, significa fare un’esperienza gioiosa.
Educare quindi alla lettura permetterà, inoltre, ai ragazzi di sapersi riconoscere o disconoscere in una storia o in un personaggio, li porterà ad immedesimarsi, divertirsi, sperimentare emozioni importanti in modo sano e interessato; incoraggerà la discussione, producendo anche delle riflessioni fondamentali per la loro crescita.

Scopo del percorso
Il percorso, strutturato in sei ore , da distribuire in due incontri da tre ore o in tre incontri da due ore l’uno, si propone di offrire gli strumenti base per incoraggiare le insegnanti a divulgare e promuovere l’interesse alla lettura nelle scuole primarie. Solo educando in modo costante e coinvolgente gli ascoltatori, partendo da almeno dieci minuti giornalieri di lettura ad alta voce in classe, si può creare un’atmosfera ricca di emozioni che stimolino il piacere dell’ascolto.

Lo scopo è riuscire poi a suscitare nei ragazzi la passione per le storie, con le quali si può crescere e scoprire il mondo ma soprattutto, imparare ad amare la lettura e i libri.

Educare quindi alla lettura, permetterà inoltre ai ragazzi, di sapersi riconoscere o disconoscere in una storia o in un personaggio, li porterà ad immedesimarsi, divertirsi, provare emozioni importanti per crescere in modo sano e interessato; incoraggerà la discussione, producendo anche delle riflessioni e o delle domande.

Cosa si prefigge il percorso

Durante gli incontri l’intento è di far acquisire e recepire alcune tecniche teatrali con esercizi che saranno di supporto alla lettura interpretativa; i risultati saranno  percepiti da subito e si potranno apprezzare anche nell’ascoltare gli altri, perché scopriremo che ascoltare, come leggere, è fare un’esperienza gioiosa;

Gli esercizi che sperimenteremo e gli argomenti che affronteremo ci aiuteranno a capire l’importanza del creare un clima ideale, che riuscirà a provocare stupore e piacere rendendo viva l’attenzione.

E’ molto importante trovare la giusta armonia tra la voce, il corpo, lo sguardo e l’intenzione,  facendosi coinvolgere emotivamente per primi nella storia che si sta leggendo, questo lo si comprenderà scoprendo che una lettura è più disinvolta e sicura quando fa un buon uso delle pause, rende alcuni gesti significativi, sa ravvivare il ritmo, l’espressività, gestisce in modo armonico il corpo, senza arrivare ad una gestualità dominante o invadente, fa attenzione a non velocizzare o rallentare troppo, tiene conto dell’importanza dei cambi di voce, tiene conto della caratterizzazione di alcuni personaggi della storia e tutto questo ci permette di evidenziare ogni sfumatura o particolare di ciò che si sta leggendo.

Tutto sarà affrontato con un approccio graduale e pratico, dando grande importanza al gruppo e calibrando il lavoro a seconda delle esigenze dei partecipanti, questo cercherà di rendere il più possibile il clima disteso, sereno e piacevole.

Un altro degli scopi che si prefigge il percorso è sicuramente quello di aiutare ogni partecipante alla valorizzazione del proprio modo di proporsi, tenendo conto dei principali indicatori del Progetto Crescere Leggendo, che ha bisogno sia di una qualità tecnica, ma soprattutto punta sulla sfera emozionale. Condividere un’esperienza così importante renderà le relazioni costruttive e aperte alla collaborazione.

Ci soffermeremo inoltre sull’importanza di alcuni autori “irrinunciabili”, sia italiani che stranieri, la cui conoscenza è ritenuta fondamentale e di grande valore didattico-emozionale per la fascia di età della scuola primaria.

Ecco perché sarà fondamentale cercare di sottolineare che non è importante solamente rendere visibile e credibile il nostro modo di leggere ma sarà importante rendere credibile e visibile anche il nostro interesse alla lettura.

Scrivi il tuo messaggio